Intervista all'ex segretario della Cgil, Sergio Cofferati
"Centrosinistra al suicidio. No a centralismo democratico"
di MASSIMO GIANNINI

15 febbraio 2003
Moretti critica Berlusconi
"Obbedienza cieca a Bush"

16 Aprile 2002
Il discorso del Cinese a Firenze

15 ottobre 2001
Relazione introduttiva di S. Cofferati al Comitato Direttivo della Cgil

"La Terra può fornire abbastanza per soddisfare i bisogni di tutti ma non l’avidità di tutti". (Mahatma Gandhi)


Perchè un Comitato "Fiducia al Cinese"?

Ciao a tutti, mi chiamo Roberto Ferluga, detto il "Konte" e sono il presidente del Comitato "Fiducia al Cinese", nato tra l'inverno e la primavera del 2003, seguendo la grande presa di coscienza collettiva, scatenata ancora una volta dall'ennesima guerra ingiusta, nata dall'arroganza dei paesi occidentali verso coloro che non si vogliono piegare alle leggi dei più forti. Mentre i media ci dicono che l'Italia è un paese non-belligerante dal 1946, io ho la netta impressione di aver assistito a quattro guerre anche italiane negli ultimi 10 anni! Guerre per la democrazia, guerre per la difesa delle etnie più deboli, guerre preventive e ora anche guerre senza bisogno della barzelletta per i media! Ma daaai, per chi ci avete preso, non siamo mica scemi!

Il 15 febbraio 2003 a Roma eravamo più di tre milioni, ma soprattutto, per la prima volta nella storia dell'umanità, nello stesso giorno in tutto il mondo abbiamo manifestato in 110 milioni! Stiamo vivendo un momento storico molto drammatico, con migliaia di morti causati dall'arroganza dei pochi stati che governano il pianeta. Oltre alla povertà e alle precarie condizioni sanitarie e scolastiche della grande maggioranza della popolazione, che vive nei paesi più deboli, oggi si aggiungono nuovamente i massacri e i bombardamenti con uranio impoverito, ben conosciute da noi italiani gia dalla guerra alla Jugoslavia…

Però c'è anche il bicchiere mezzo pieno: La situazione globale ha risvegliato le coscienze di molti, in quasi tutte le strade d'Italia e del resto dell'Europa dai balconi delle case sventolano bandiere della pace. D'accordo, non fermeranno la guerra, ma è comunque un gesto di presa di posizione in favore della pace e contro i governi che appoggiano la guerra. Nelle piazze di tutto il mondo si sono registrate presenze spontanee di cittadini mai registrate prima nella storia. I compagni disobbedienti si mettono con il loro stesso corpo davanti ai treni e agli aerei della morte, rischiando gravi repressioni e sanzioni da un governo che ha proibito di esporre la bandiera della pace negli uffici pubblici e nelle scuole!!!

A tutte queste realtà, accomunate da un utopia di un mondo migliore in cui l'unica razza, quella umana, sappia vivere in pace nel rispetto di tutte le divergenze culturali e religiose, a tutte queste persone, si rivolge il Comitato "Fiducia al Cinese", per sederci attorno un tavolo (quello sempre ospitale della Trattoria sociale di Contovello) a scambiare le nostre opinioni sulla realtà contemporanea, a proporre iniziative nel territorio o a livello globale attraverso la rete…

Isole nella rete

Molti compagni conoscono già questa realtà, perché in molti hanno capito quali vantaggi ci possono dare le nuove realtà tecnologiche, figlie della globalizzazione, che se usata in un certo modo può anche unificare il pianeta e livellare parzialmente gli squilibri sociali. Sicuramente 20 anni fa sarebbe stato impossibile coordinare 110 milioni di persone in tutti i paesi del mondo, 86 paesi per la proiezione teatrale contemporanea della Lysisdrata di Aristofane, e numerose meditazioni collettive organizzate alla stessa ora grazie alla posta elettronica, ai forum e ai molti siti che non vendono servizi inutili, ma che diffondono gratuitamente le informazioni che i media occidentali (in quanto parte attiva della guerra) non possono dire. E infine anche Global TV, di cui ho capito il grandissimo potenziale sempre a Roma, quando la TV di stato era lì con noi, nelle vie della più bella città del mondo, con un bavaglio in bocca in quanto loro era stato proibito di mostrare la diretta della più grande marcia collettiva mai successa nel nostro paese! Grazie a tutti i compagni che si occupano di queste bellissime iniziative! Anche il Com. FaC vuole usufruire delle possibilità offerte da Internet, inizialmente con una raccolta di testi ed immagini dei compagni che hanno dimestichezza con la penna. Le lingue sono tutte uguali e ognuno utilizzerà quella che preferisce, stimolando così le persone ad avvicinarsi ad alre culture, invece di aiutare la nostra pigrizia cronica con delle traduzioni. In un secondo momento useremo questo sito per promuovere iniziative locali, quali concerti, proiezioni di film liberi (vedi Bowling for Colombine..), serate di teatro, letture di poesia, canti e danze da tutte le realtà del pianeta ecc… Il metodo non è ancora stabilito, ognuno proporrà la sua qualità, il suo interesse, la sua particolare attitudine, per esprimere il desiderio di un pianeta migliore, più umano e meno virtuale… Lavoriamoci insieme!

Figli dei figli dei fiori

Il Comitato FaC è aperto a tutte le persone di qualsiasi età, ai giovani, ai bambini indaco che hanno ancora più purezza e vicinanza all'utopia, essendo stati ancora poco martellati dalla società dello Spettacolo… Ai compagni più anziani, da cui dobbiamo imparare le lezioni delle lotte svolte negli anni cinquanta, nei favolosi anni sessanta e nei cosiddetti "anni di piombo" ovvero i settanta. E per chi ha la fortuna di avere dei nonni e delle nonne ai fondatori di questo paese, ai compagni partigiani che hanno liberato l'Europa dalla dittatura nazi-fascista! Però il nucleo centrale del Comitato sarà il nostro gruppo di trentenni, dei figli della più grande rivoluzione del movimento sessantottino, un nuovo concetto di famiglia, l'educazione dei figli! Siamo i figli dei figli dei fiori…

Otroci Otrok Cvetja

Nekoc se bodo dvignili iz otrplosti
Premagali bodo to nemoc
Odjeknil bo po svetu njihov krik
Stopili bodo v strani zgodovini
Zapeli bodo svojo internacijonalo
Raznobarvne cvetice se bodo ujele v plesu
Zmagala bo reseda prijateljstva
Proti nasilju
Zmagali bodo
Z dusami vecnih otrok

E-mail
webmaster@fiducia-al-cinese.it